20 Senatori repubblicani presentano una petizione alla FDA per vietare la pillola abortiva

Perché a quanto pare "la gravidanza non è pericolosa per la vita".

James Worrell / Getty Images

Usando argomenti medici imprecisi, il senatore Ted Cruz e un gruppo di altri politici repubblicani stanno presentando una petizione alla Food and Drug Administration (FDA) per classificare la pillola abortiva (nota anche come mifepristone e con il marchio Mifeprex) come "pericolosa" e da prendere fuori dal mercato.

“La gravidanza non è una malattia pericolosa per la vita e la pillola abortiva non cura né previene alcuna malattia. Non commettere errori, Mifeprex è una pillola pericolosa. Ecco perché 20 dei miei colleghi repubblicani e io stiamo esortando @US_FDA a classificarlo come tale ", ha scritto Cruz su Twitter all'inizio di questa settimana. Cruz ha annunciato che il gruppo ha scritto una lettera al commissario della FDA Stephen Hahn, MD, chiedendo alla FDA di vietare il farmaco.

"Dobbiamo ora sollecitare la FDA a esercitare la sua autorità ... e classificare la pillola abortiva come un 'rischio imminente per la salute pubblica' che rappresenta una 'significativa minaccia di pericolo' e rimuovere questa pillola dal mercato statunitense", si legge nella lettera. Un gruppo di 71 rappresentanti alla Camera ha firmato una lettera simile, guidata dal rappresentante Jody Hice.

Per un po 'di background, il mifepristone è una pillola che viene utilizzata per interrompere le gravidanze a 10 settimane o prima, SELF ha spiegato in precedenza. Il farmaco, noto anche come Mifeprex e RU-486, agisce bloccando i recettori del progesterone. Ciò impedisce al progesterone di svolgere il suo compito di mantenere il rivestimento uterino spesso e, senza di esso, la gravidanza non può andare avanti. Normalmente, il mifepristone è regolato da una strategia di valutazione e mitigazione del rischio (REMS), che richiede ai pazienti di prendere la pillola con un medico presente in 18 stati, secondo il Guttmacher Institute. Quindi, 24-48 ore dopo, il paziente prenderà una seconda pillola (misoprostolo) per aiutare il processo di interruzione.

Le lettere arrivano dopo che un giudice federale ha stabilito a luglio che i pazienti potevano ricevere la pillola per posta a causa dell'attuale pandemia, come riporta PBS. Ma gli esperti hanno già chiesto alla FDA per anni di allentare le restrizioni REMS, sostenendo che rendono inutilmente difficile per le persone accedere ai farmaci. Nell'attuale pandemia, le visite di persona in ambulatorio o in clinica possono essere particolarmente difficili e, in alcuni casi, possono essere meno sicure di una visita di telemedicina perché introducono la possibilità di esposizione al coronavirus. La pandemia ha anche visto un abbraccio alla telemedicina che rende ancora più ridicolo il requisito di persona per ottenere il mifepristone.

Inoltre, la ricerca mostra che un aborto farmacologico a cui si accede tramite telemedicina non è meno sicuro di uno che richiede una visita di persona. Ciò non è particolarmente sorprendente considerando che il mifepristone è un farmaco relativamente sicuro. Come ogni farmaco, presenta alcuni effetti collaterali a breve termine, come sanguinamento, crampi e nausea, SELF ha riportato in precedenza. Ma questi possono spesso essere gestiti con farmaci antidolorifici da banco. Il medico può anche fornire farmaci antinausea su prescrizione.

D'altra parte, contrariamente all'affermazione di Cruz, sappiamo che la gravidanza e il parto negli Stati Uniti possono essere mortali, specialmente per le donne nere. Per ogni 100.000 nati vivi negli Stati Uniti, ci sono 17,4 morti materne, secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) del 2018. Ma per le donne nere, ce ne sono 37,1. In effetti, la ricerca suggerisce che lo stato del Texas di Cruz ha uno dei tassi di mortalità materna più preoccupanti del paese.

In casi rari (ma non abbastanza rari), le persone incinte possono essere a rischio di gravi complicazioni durante il travaglio e il parto, come emorragie, sepsi e coaguli di sangue, spiega l'American College of Obstetricians and Gynecologists. Anche se la gravidanza non è mortale, può comunque causare gravi complicazioni di salute, tra cui anemia, ipertensione, diabete e condizioni di salute mentale (che possono, in alcune circostanze, essere pericolose per la vita).

In confronto, il tasso di mortalità per gli aborti legali è stato di 0,62 decessi per 100.000 aborti tra il 2008 e il 2014, secondo i dati del CDC. Ma quel numero include aborti medici e chirurgici. Il numero di aborti farmacologici è ancora più basso. Nel 2018, la FDA ha riferito che su 3,7 milioni di persone che avevano usato il mifepristone per interrompere una gravidanza, 24 erano morte ad un certo punto dopo aver assunto il farmaco. Di questi 24 decessi, solo 13 potrebbero essere stati plausibilmente correlati all'aborto, secondo un rapporto di Advancing New Standards in Reproductive Health, che includeva otto casi di sepsi e due casi di interruzione di gravidanze ectopiche.

Naturalmente, le persone dovrebbero avere la possibilità di scegliere se essere incinte o meno per tutta una serie di motivi, ed evitare i rischi per la salute associati alla gravidanza è solo uno di questi. Soprattutto in caso di pandemia, dobbiamo riconoscere che la cura dell'aborto è una medicina essenziale e dovrebbe essere resa il più accessibile possibile.